Torna il Festival di Castrocaro con un’edizione rinnovata

 

Concorsi: torna il Festival di Castrocaro con un'edizione rinnovata
Logo Festival di Castrocaro

L’edizione 2019 del celebre concorso nato nel 1958 si presenta con una veste nuova rispetto al passato.

I candidati possono iscriversi gratuitamente e devono avere un’età compresa tra i 14 e i 30 anni.

Per candidarsi occorre presentare un brano in italiano e un brano in inglese, se l’aspirante concorrente è un cantautore, uno dei due brani può essere inedito.

Nello specifico, le iscrizioni possono avvenire online oppure partecipando a una tappa degli Open Casting che si stanno svolgendo nelle principali città della penisola.

Dopo questa prima scrematura, inizierà la seconda fase delle selezioni quella delle audizioni.

In particolare, esse si articolano in due momenti, uno “privato” e uno “pubblico”. Il primo sarà un’esibizione in una sala prove presso il comune di Castrocaro, davanti a una giuria tecnica.

I candidati risultati idonei accederanno alla seconda fase di audizione, che prevede un’esibizione in pubblico, al termine della quale la giuria decreterà i finalisti del concorso.

I finalisti saranno protagonisti della serata che sarà trasmessa su Rai2 in prima serata il 3 Settembre 2019.

La conduzione è stata affidata – con tanto di polemiche annesse – a Belen Rodriguez e Stefano De Martino.

Concorsi: torna il Festival di Castrocaro con un'edizione rinnovata 2
I conduttori del Festival di Castrocaro 2019

I concorrenti si esibiranno accompagnati da una super band e duetteranno con ospiti d’eccezione, fino alla proclamazione del vincitore.

L’albo d’oro del Festival di Castrocaro è decisamente prestigioso e annovera, tra gli altri: Gigliola Cinquetti, Giuni Russo, Alice, Luca Barbarossa, Zucchero.

Molti anche i partecipanti che pur non vincendo hanno ottenuto grande successo: Iva Zanicchi, Eros Ramazzotti, Fiordaliso, Fiorella Mannoia, Nek.

L’edizione 2019 del Festival di Castrocaro si presenta come totalmente rinnovata.

Infatti, l’intento da parte degli organizzatori è di adeguare lo storico concorso ai nuovi linguaggi televisivi nonché alla scena musicale attuale che si presenta in continua evoluzione.

Per informazioni consultare il sito: www.festivaldicastrocaro.it

Nasce Borgio Verezzi il ConcorsoMusica361. Dal 6 all’8 settembre  si terrà la prima edizione nazionale 

Concorsi: nasce il Concorso Canoro di Musica361
Logo della manifestazione

La manifestazione si svolgerà al Teatro Gassman della cittadina ligure.

Il concorso si rivolge a giovani (a partire dai 14 anni) e adulti che hanno il desiderio e la passione di esprimersi attraverso la musica e in particolare, la canzone. 

“Musica361, inserendosi in un territorio particolarmente ricco di artisti e di tradizione cantautorale, animato tutto l’anno da eventi musicali, vuole sviluppare la sua azione coinvolgendo tutte quelle realtà già esistenti per creare una rete di diffusione che faccia da risonanza alle attività/iniziative già in essere”, dichiara il direttore Mauro Caldera

Il binomio tra il territorio e una testata di settore nasce con l’obiettivo primario di valorizzare mediaticamente la realtà locale – che è anche turistica – per creare nuove occasioni culturali rivolte ai giovani (e non solo) unite alla promozione della musica.

Il valore “361” sta ad indicare quel grado in più che fa la differenza: la ricerca del talento e della passione che si esprimono proprio in questi momenti pubblici dove si auspica che il palcoscenico possa trasformarsi anche in un trampolino per spiccare il volo.

I partecipanti potranno gareggiare con brani editi o inediti, da solisti o in gruppo. 

Le selezioni degli artisti che intendono candidarsi alla prima edizione del ConcorsoMusica361 si conluderanno il 9 agosto

Nello specifico, in questa prima fase avverranno i pre-ascolti.

Queste selezioni iniziali si terranno a Borgio Verezzi, a Torino e a Milano.

Dopodiché verranno scelti i 32 partecipanti di questa prima edizione.

I nomi dei concorrenti verranno resi pubblici il 16 agosto.

Tutti i 32 artisti si esibiranno durante le prime due serate (venerdì 6 e sabato 7 settembre).

Alla fine di ogni serata 8 concorrenti si guadagneranno il posto per la finale di domenica sera.

Le giurie che valuteranno i concorrenti nelle prime due serate di semifinale e che andranno a decretare podio della serata conclusiva sono 3: la giuria di tecnici del settore (Produttori, Discografici, Vocal Coach), quella dei giornalisti e infine quella del pubblico

Sono previsti premi speciali che l’Organizzazione assegnerà in base all’andamento delle tre serate.

Nasce a Borgio Verezzi il ConcorsoMusica361

Il concorso è organizzato dalla Cooperativa I.So con il Patrocinio del Comune di Borgio Verezzi e dalla Direzione Artistica di questa testata. 

Il regolamento è disponibile sui siti del Comune di Borgio Verezzi, della Cooperativa I.So e sul nostro sito www.musica361.it

  

Questo 2019 segna un eccezionale traguardo. Il Premio Mia Martini compie 25 anni.

Concorsi: il Premio Mia Martini compie 25 anni 1
Red Canzian si esibisce

Il prestigioso anniversario sarà festeggiato con appuntamenti colmi di grandi artisti, in linea con la tradizione del premio.

Il Premio Mia Martini nel tempo è riuscito a intercettare l’interesse del grande pubblico, anche fuori dai confini nazionali.

La manifestazione ricorda una delle più belle voci della musica italiana e internazionale: Mia Martini.

Il Premio si svolge a Bagnara Calabra, città natale dell’artista.

Concorsi: il Premio Mia Martini compie 25 anni
Scenografia del Premio Mia Martini 2018

Varie sono le sezioni presenti: Nuove Proposte, Una Voce per Mimì (bambini tra i 4 e i 13 anni), Etnosong.

Inoltre, quest’anno vi è una nuova categoria, le cui selezioni sono ancora aperte. Si tratta della sezione Emergenti, riservata a quegli artisti che hanno già un etichetta discografica.

Per partecipare a questa nuova sezione gli artisti devono essere presentati direttamente da una casa discografica.

I candidati devono possedere i seguenti requisiti: avere compiuto 18 anni di età alla data del 30 giugno 2019 e non essere iscritti alla sezione “Nuove Proposte” del Premio Mia Martini 2019.

Il brano da presentare deve essere inedito o pubblicato nel corso dell’anno 2019.

Le case discografiche devono inviare – entro il 15 luglio – le domande di partecipazione degli artisti attraverso il sito www.premiomiamartini.it.

Le canzoni devono essere in lingua italiana. È consentita la presenza di parole, locuzioni o brevi frasi in lingua dialettale e/o straniera, purché tali da non snaturare nel complesso il carattere italiano del testo.

Una bella novità per festeggiare i 25 anni del Premio Mia Martini.

Una manifestazione che ha permesso a molti artisti, oggi famosi, di farsi conoscere: Jenny B, Davide De Marinis, Anna Tatangelo, Negramaro, Fabrizio Moro, Bianca Atzei, Federica Carta.

Un’ulteriore occasione per celebrare un’artista immensa che non può essere dimenticata.

Il Premio Mia Martini rappresenta una possibilità concreta per tanti giovani di talento di farsi notare.

Torna il “Premio Nilla Pizzi” e festeggia il “100 Nilla”. Esattamente un secolo fa nasceva la celebre artista

Concorsi: torna il "Premio Nilla Pizzi" per festeggiare un importante anniversario
Logo della manifestazione

Questa ricorrenza così importante per tutti gli estimatori dell’interprete di Grazie dei fior ha un nome altrettanto speciale: 100 Nilla.

Il Trofeo Premio Nilla Pizzi è giunto alla seconda edizione.

In particolare, si tratta di un concorso canoro aperto a tutti i cantanti, cantautori e interpreti di ogni genere musicale.

Una realtà musicale dedicata esclusivamente alla valorizzazione e promozione di artisti italiani emergenti.

La manifestazione non è l’unico appuntamento in programma per festeggiare l’anniversario della nascita della prima vincitrice del Festival di Sanremo.

Il Ministero delle Telecomunicazioni ha presentato un francobollo commemorativo a Nilla Pizzi.

Concorsi: torna il "Premio Nilla Pizzi" e festeggia il "100" Nilla
Nilla Pizzi

Il Premio Nilla Pizzi nasce da un’idea di Lele Mora (manager e amico dell’artista) e Vincenzo Camporeale (Direttore Artistico e Produttore Discografico).

L’evento rappresenta un omaggio doveroso nei confronti di un’interprete dal talento unico ed indiscusso.

Nilla Pizzi con la sua voce inconfondibile è stata amata in tutto il mondo; questa straordinaria popolarità le ha permesso di essere considerata come la Regina della musica italiana.

Quest’anno in occasione del centenario dalla nascita, l’evento avrà un impatto mediatico ancora più importante.

La conduzione delle prime tre tappe è stata affidata a Emanuela Folliero.

La prima serata dedicata ai casting è avvenuta domenica 23 giugno a Milano, per proseguire il 27 giugno a Salsomaggiore Terme e tornare il 30 giugno nella capitale lombarda.

I casting-live termineranno alla fine di luglio, toccando diverse città italiane.

La seconda edizione del Premio Nilla Pizzi è diventata un format televisivo che verrà trasmesso su LATV.

Concorsi: torna il "Premio Nilla Pizzi" e festeggia il "100 Nilla"
Lele Mora con giovani finalisti

Dopo aver superato le varie fasi dei casting-live, i più talentuosi accederanno alle semifinali, che si
svolgeranno in una location di prestigio (potrebbe essere la città natale dell’artista: Sant’Agata Bolognese) nel mese di settembre.

La finalissima del “Premio Nilla Pizzi” sarà condotta da Luisa Corna.

L’evento conclusivo vedrà la partecipazione di numerosi ospiti, tra cui la madrina del premio Iva Zanicchi.

Per candidarsi ai casting-live bisogna andare sul sito www.premionillapizzi.it.

Le iscrizioni sono aperte fino al 30 giugno. Mancano ancora pochi giorni per candidarsi.

Alla manifestazione possono iscriversi cantanti, cantautori, interpreti, gruppi vocali, duo, rapper dai 12 anni in su.

Il talento non ha età – affermano gli organizzatori – e Nilla Pizzi lo ha dimostrato regalandoci, a quasi 91 anni, un’ultima memorabile interpretazione della sua canzone più celebre, Grazie dei fior, nel corso del Festival di Sanremo 2010.

 

Sono aperte le iscrizioni per il Premio Mimi Sarà 2019

Il concorso è giunto alla sua quinta edizione.

L’idea della manifestazione è di Giancarlo Del Duca, Lorenzo Moglioni e Vincenzo Adriani presidente dell’Associazione Minuetto Mimi Sarà di Milano.

Concorsi: aperte le iscrizioni per il Premio Mimì Sarà
Mia Martini

Il Premio, nato per mantenere viva la memoria di Mia Martini è patrocinato da Leda Bertè e Manuela Savini Bertè, rispettivamente sorella e nipote dell’artista.

La manifestazione è aperta a tutti i generi musicali e ha il fine di alimentare un confronto tra realtà vocali differenti. Meno protagonista è l’aspetto prettamente agonistico, solito delle gare canore.

Nello specifico, gli iscritti possono scegliere fra due categorie: inediti o cover.

Fino all’ultima edizione i partecipanti dovevano rientrare nella fascia di età dai 16 ai 40 anni.

La novità dell’edizione 2019 è l’inserimento della categoria Over. In particolare, la categoria è dedicata a chi ha ancora voglia di mettersi in gioco e realizzare il sogno nel cassetto nonostante abbia più di 40 anni.

I vincitori delle tre categorie (inediti, cover e over) si conquisteranno il diritto di partecipare da protagonisti al grande spettacolo Buon compleanno Mimi che si terrà il 21 settembre al Teatro Nuovo di Milano.

Una grande festa di compleanno in onore di Mia Martini.

Concorsi: aperte le iscrizioni per il Premio Mimì Sarà 1

Sul palco del teatro milanese si alterneranno i big della musica italiana. A rendere omaggio a Mimì negli scorsi anni sono intervenuti Alexia, Ivana Spagna, Ornella Vanoni, Marco Masini, gli Stadio, Toto Cutugno e molti altri. Il cast per l’edizione 2019 di Buon compleanno Mimi si sta già formando e sarà presto reso noto.

Media partner della manifestazione è Radio Italia Anni 60.
Le selezioni sono gratuite e fanno tappa in quasi tutte le regioni italiane.

Il 25 giugno la manifestazione Lungo il Tevere di Roma ospiterà le audizioni che proseguiranno il 28 e 29 giugno a Montegridolfo (Rimini) per concludersi il 30 giugno a Napoli.

Tutti i dettagli della manifestazione sul sito www.premiomimisara.com.
Le iscrizioni per il Premio Mimì Sarà sono aperte fino al 30 luglio.

 

 

 

Sanremo si tinge di rock. Si è appena conclusa la 32° edizione.

Concorso: Sanremo si tinge di Rock

A vincere sono stati i Piqued Jacks da Buggiano (PT) per la categoria Rock e Marco Viccaro Bucalone da Pistoia per la categoria Trend.

Sanremo Rock & Trend Festival è il più ambito e longevo contest nazionale per artisti rock.

La categoria Trend racchiude artisti appartenenti a un ampio ventaglio di generi: pop, cantautorato, jazz, blues, rap, folk e dialettale.

Nato nei primi Anni ’80, il concorso rappresenta un brand storico che ha portato al successo moltissimi Big di oggi.

Dal suo palco sono passati, fra i tanti, i Litfiba, i Denovo di Mario Venuti, Ligabue, Tazenda, i Bluvertigo di Morgan e gli Avion Travel, solo per citarne alcuni.

La manifestazione rappresenta un grande momento di incontro musicale, di confronto, di sana competizione. E offre precise indicazioni sul movimento rock italiano, sul suo stato di salute, le tendenze, le preferenze.

Concorso: Sanremo si tinge di Rock 2

Sanremo Rock è una grande vetrina a cui guardano con interesse gli addetti ai lavori.

Grazie a Sanremo Rock i gruppi emergenti hanno l’occasione per firmare il loro primo contratto discografico, registrare videoclip professionali, ottenere date live fra cui open act per artisti nazionali e internazionali, aprire un proprio canale Vevo, fare promozione radio e tv.

Concorso: Sanremo si tinge di Rock 1

I 16 finalisti, inoltre, vengono inseriti nella compilation del Festival.

L’organizzazione del 32° Sanremo Rock & Trend Festival è stata curata dalla società Nove Eventi, una cordata formata da un insieme di società operanti da oltre 20 anni nel mondo dello spettacolo: dall’ambito discografico all’organizzazione di concerti e grandi Festival.

Tra i suoi soci si annoverano produttori artistici, teatrali e televisivi e gruppi operanti nel marketing strategico e creativo e nella distribuzione discografica.

Nove Eventi è un’affermata realtà che promuove e distribuisce Artisti di grande livello nazionale ed internazionale.

Essa un occhio di riguardo anche per i giovani emergenti.

Oltre al Sanremo Rock, Nove Eventi organizza il Festival Una Voce per l’Europa e Baby Voice ed ha organizzato il Festival di Castrocaro 2012-2018 .

Sanremo si tinge di rock. Ogni anno.

Ecco come candidarsi a Sanremo Rock & Trend Festival: basta accedere al sito web ufficiale www.sanremorock.it e inviare via e-mail dall’apposita casella il materiale richiesto audio/video.

Sono aperte le iscrizioni per candidarsi alla X edizione del Premio Donida, concorso musicale dedicato al ricordo del Maestro Carlo Donida Labati.

L’obiettivo della manifestazione è quello di trasmettere messaggi di carattere culturale e artistico di esempio per i giovani. Carlo Donida Labati è stato uno dei più importanti compositori italiani.

Concorsi: come candidarsi al "Premio Donida" 4

Tra le sue innumerevoli composizioni si ricordano: Al di là, Le colline sono in fiore, Gli occhi miei, Vecchio scarpone, La spada nel cuore.

Anche Luigi Tenco interpretò le canzoni del maestro Donida: Serenella, Quasi sera, Sempre la stessa storia e Più mi innamoro di te.

Pure Lucio Battisti che non cantò mai canzoni la cui musica non fosse la sua, ne ha cantate ben quattro: Prigioniero del mondo, La folle corsa, La spada nel cuore e La compagnia, canzone reinterpretata nel 2007 anche da Vasco Rossi.

È proprio con la volontà di conservare la memoria del vasto patrimonio artistico del grande artista che è nata nel 2008 l’Associazione Culturale La Compagnia di Donida, fondata dalla nipote Monica insieme alla madre Laura.

 

Presidente onorario dell’Associazione è Mogol.

Al Concorso possono partecipare compositori, cantautori ed interpreti che abbiano un’età minima di 18 anni.

La novità di questa X edizione è che gli aspiranti concorrenti possono presentare un brano in lingua italiana o dialettale.

Concorsi: come candidarsi al "Premio Donida" 6

In particolare, questa nuova possibilità sottolinea l’apertura e la rilevanza che lo stesso Donida ha sempre manifestato verso le forme dialettali, soprattutto lombarde e partenopee – nell’arco della sua intensa e ricca carriera.

Il Concorso si articola in 3 parti: Audizioni, Semifinali e Serata Finale.

Le audizioni saranno presiedute da una commissione artistica composta da esperti del settore – compositori, autori, musicisti e produttori.

Infatti si svilupperanno in 3 tappe da nord a sud:

Milano – Lunedì 17 Giugno 2019 (chiusura iscrizioni lunedì 10 giugno) presso lo Studio il Cortile di Milano, via Pietro Borsieri 41.

Caltanissetta – Martedì 25 Giugno 2019 (chiusura iscrizioni martedì 18 Giugno) presso Zeronovantuno, via Carlo Pisacane.

Roma – Mercoledì 10 luglio 2019 (chiusura iscrizioni mercoledì 3 Luglio) presso la Scuola di Musica Sotto i raggi del sol, via Donato Menichella 104.

Ad ogni audizione saranno messi in palio uno shooting fotografico e uno shooting video a cura dell’Agenzia Whatever.

La commissione avrà il compito di selezionare i brani che accederanno alla Semifinale prevista il 5 Ottobre 2019 a Bologna, presso l’Anfiteatro del Fico Eataly World. Concorsi: come candidarsi al "Premio Donida" 8

La finale si terrà il 30 ottobre 2019 a Milano.

Il brano vincitore del Premio Donida sarà distribuito in tutti i maggiori store digitali.

Infatti, il singolo sarà prodotto con l’etichetta Saar Records / La Compagnia di Donida.

E, inoltre, avrà una promozione professionale di almeno 90 giorni in radio, tv, carta stampata con interviste e passaggi per promuovere il brano. 

Non solo, i finalisti interpreteranno alcuni brani del Maestro Donida.

In questo modo concorreranno all’assegnazione di borse di studio per interpreti al CET di Mogol.

Come già sottolineato, sono dunque aperte le iscrizioni per candidarsi alla X edizione del Premio Donida.

Per partecipare è necessario compilare la relativa domanda all’interno del sito www.premiodonida.it

Il Premio Donida costituisce una realtà concreta per emergere nella musica italiana nel solco del ricordo di uno dei suoi più grandi compositori e rappresenta una possibilità di farsi conoscere e apprezzare da addetti ai lavori e pubblico.

Ancora pochi giorni per candidarsi al “Premio Andrea Parodi”, l’unico concorso italiano di world music.

Il bando scade il 31 maggio

Il concorso è organizzato dall’omonima Fondazione con la direzione artistica di Elena Ledda. Le finali della dodicesima edizione sono in programma a Cagliari dal 10 al 12 ottobre.

Concorsi: ancora pochi giorni per candidarsi al "Premio Andrea Parodi"

Il bando, aperto ad artisti di tutto il mondo, è disponibile su www.fondazioneandreaparodi.it, con iscrizione gratuita.

Le domande di iscrizione dovranno essere inviate tramite il format presente sul sito.

Ogni candidatura per essere considerata valida deve contenere:

  • 2 brani (2 file mp3, provini o registrazioni live o realizzazioni definitive; indicare con quale dei due brani si intende gareggiare);
  • testi ed eventuali traduzioni in italiano dei due brani;
  • curriculum artistico del concorrente (singolo o gruppo);

Il Premio è nato per omaggiare un grande artista come Andrea Parodi,

Concorsi: ancora pochi giorni per candidarsi al "Premio Andrea Parodi" 1

passato dal pop d’autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e di rielaborazione delle radici.

Parodi rappresenta un riferimento internazionale della world music.

Nel corso della sua lunga carriera ha collaborato con artisti come Al Di Meola e Noa.

Le precedenti edizioni della manifestazione sono state vinte: nel 2009 da Francesco Sossio (Puglia), nel 2010 dalla Compagnia Triskele (Sicilia), nel 2011 da Elva Lutza (Sardegna).

Nel 2012 ha ottenuto raggiunto il primo posto Elsa Martin (Friuli), nel 2013 Unavantaluna (Sicilia), nel 2014  Flo (Campania).

Nel 2015 il “Premio Andrea Parodi” è stato vinto da Giuliano Gabriele Ensemble (Lazio), nel 2016 dai Pupi di Surfaro (Sicilia), nel 2017 da Daniela Pes (Sardegna).

Lo scorso anno la vittoria è andata invece a La Maschera (Campania).

Un anno intenso per la band napoletana, dopo la vittoria al Parodi, è entrata nella cinquina delle Targhe Tenco 2018 nella categoria “Album in dialetto”.

Inoltre, ha effettuato due tour nazionali che hanno toccato le principali città della penisola e mini tour in Portogallo, Canada e Sud Corea.

La Maschera si prepara ora ai prossimi appuntamenti live sui palchi di importanti festival nazionali ed internazionali tra cui l’Home Festival di Venezia e lo Sziget di Budapest.

Il vincitore del Parodi ha  diritto a una serie di concerti e di partecipazioni ad alcune delle più significative rassegne di musica di qualità.

Concorsi: ancora pochi giorni per candidarsi al "Premio Andrea Parodi" 2

Oltre a questo, ha diritto a una borsa di studio di 2.500 euro.

Al vincitore del premio della critica andrà invece la realizzazione professionale del videoclip del brano in concorso, a spese della Fondazione.

Tra i media partner figurano Radio Rai, Rai Sardegna, Radio Popolare, Unica Radio, Sardegna 1 Tv, Tiscali.

Sul sito della Fondazione si possono trovare tutte le informazioni.

Mancano ancora pochi giorni per candidarsi al “Premio Andrea Parodi”.

Per ulteriori approfondimenti: fondazione.andreaparodi@gmail.com info@premioandreaparodi.it

 

Uno dei più prestigiosi concorsi e festival italiani dedicati alla canzone d’autore e intitolato a Umberto Bindi, una delle colonne della scuola genovese dei cantautori.

Il festival, giunto alla quindicesima edizione, si svolgerà dal 5 al 7 luglio a Santa Margherita Ligure (Genova).
Il concorso è in programma sabato 6. In quei giorni non mancheranno incontri, presentazioni, live, showcase.

Concorsi: il Premio Bindi ricorda il grande cantautore

Il 7 luglio si terrà una serata tributo a Fabrizio De André a vent’anni dalla scomparsa, con The André (il misterioso cantante che unisce una voce alla Faber e la trap) e vari altri artisti che saranno annunciati prossimamente.

Il concorso è riservato a singoli o band che compongano le proprie canzoni.

Non ci sono preclusioni per il tipo di proposte artistiche, da quelle stilisticamente più tradizionali a quelle più innovative.

Fra tutti gli iscritti, una commissione selezionerà dieci artisti che si esibiranno nella finale del 6 luglio di fronte ad una prestigiosa giuria composta da musicisti, giornalisti e addetti ai lavori.

Caratteristica del Premio Bindi è quella di non premiare una singola canzone ma l’artista nel suo complesso.

Tutti i finalisti avranno modo di eseguire ben quattro canzoni, tre proprie e una cover di Umberto Bindi.

Il primo classificato riceverà una targa di riconoscimento e una borsa di studio di 1000 euro.

Ma molti altri sono i premi in palio, come la “Targa Giorgio Calabrese” al miglior autore, assegnata in collaborazione con Warner Chappell Music Italiana, la Targa “Migliore canzone” scelta in base ai canoni radiofonici in collaborazione con l’etichetta “Platonica”, la “Targa Beppe Quirici” al miglior arrangiamento e composizione musicale. Altre premi potranno aggiungersi nelle prossime settimane,

L’iscrizione è gratuita. La domanda è scaduta il primo maggio. È importante tenere d’occhio il sito www.premiobindi.com nell’apposita sezione.

Sul sito è disponibile anche il bando completo del concorso.

Concorsi: il Premio Bindi ricorda il grande cantautore 1

Per questa edizione, il Premio Bindi avrà un nuovo media partner: iLiveMusic, app che mette in contatto artisti e organizzatori, senza nessuna intermediazione. La collaborazione si realizzerà con una duplice modalità. Da una parte sarà possibile iscriversi al Premio anche tramite iLiveMusic. Dall’altra iLiveMusic contribuirà all’organizzazione di un evento speciale a cui parteciperanno alcuni dei finalisti. Luogo e data saranno annunciati successivamente.

Il Premio Bindi si avvale della direzione artistica di Zibba ed è organizzato dall’Associazione Le Muse Novae. È sostenuto dal contributo del Comune di Santa Margherita Ligure, della Regione Liguria e della SIAE.

Concorsi: il Premio Bindi ricorda il grande cantautore 2

Le scorse edizioni del Premio sono state vinte da Lomè (2005), Federico Sirianni (2006), Chiara Morucci (2007), Paola Angeli (2008), Piji (2009), Roberto Amadè (2010), Zibba (2011), Fabrizio Casalino (2012), Equ (2013), Cristina Nico (2014), Gabriella Martinelli (2015), Mirkoeilcane (2016), Roberta Giallo (2017), Lisbona (2018).

Un’occasione per ricordare un grande artista che durante la sua vita ha subito un ingiusto e meschino ostracismo. Un poeta le cui canzone sono ancora moderne.

Un’importante possibilità per le nuove generazioni di farsi conoscere e apprezzare in un contesto capace di valorizzarli. 

Dal 4 al 12 maggio si è tenuta a Pesaro la VI edizione del Concorso Musicale Giovani in crescendo che ha premiato, ancora una volta, il futuro dell’arte.

La città marchigiana, per due weekend, si afferma come la capitale italiana del talento con un concorso rivolto ai più giovani e che guarda al futuro.

Il concorso è organizzato dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, del Comune di Pesaro e della Confcommercio.

La manifestazione è stata inserita dal MIUR nel programma annuale per la valorizzazione delle eccellenze.

Giovani in crescendo premia l’arte del futuro

La competizione si articola in due sezioni: musica e danza.
Tutti i vincitori hanno avuto l’onore di esibirsi al Teatro Rossini, uno dei più importanti teatri storici al mondo.

Il Giovani in crescendo si è rivolto a ragazzi di età compresa tra i 6 e i 25 anni.

La maggior parte dei partecipanti frequentano o hanno frequentato scuole di musica e conservatori. Molti sono invece autodidatti.

Il Concorso si articola in diverse categorie:

– Scuole primarie;
– Scuole secondarie di primo grado;
– Scuole medie ad indirizzo musicale;
– Scuole superiori;
– Conservatori;
– Licei Musicali;
– Scuole private di Musica e canto;
– Scuole dell’obbligo che presentano alunni frequentanti il Conservatorio.

I concorrenti si sono cimentati nei più disparati generi musicali.

I giovani artisti hanno portato sul palco del Teatro Rossini un ampio ventaglio musicale originale e variegato.

Giovani in crescendo premia l’arte del futuro 1

Hanno partecipato scuole provenienti da tredici regioni italiane, oltre a San Marino e ad un istituto della Bielorussia, per un totale di 80 istituti e oltre 1000 partecipanti.

I primi classificati di ogni categoria hanno ricevuto premi in denaro e oggetti d’arte realizzati dagli allievi della Scuola del Libro di Urbino e dal Liceo Mengaroni di Pesaro.

IlGiovani in Crescendoha saputo suscitare l’interesse anche del mondo dell’imprenditoria ottenendo il sostegno di importanti associazioni di categoria quali la Confcommercio – Pesaro e Urbino, di Riviera Incoming e di diverse aziende.

Un progetto di alto valore culturale che premia ragazzi che dedicano tempo ed energie all’arte.

Un investimento coraggioso e un’occasione importante verso i più giovani, gli artisti del domani.

Top