Massimo Di Cataldo: Dal profondo

Un album che nasce …Dal profondo

Massimo Di Cataldo: Dal profondo
Cover dell’Album – Foto di Marco Giustiniani

Ritorno in grande stile per il cantautore romano che non ha mai smesso di credere all’amore e alla musica.

Già solo ascoltando un paio di brani, emerge chiaro che Dal profondo è un bell’album e che Massimo Di Cataldo ha finalmente – dopo quasi dieci anni – ritrovato l’ispirazione giusta per tornare a scrivere canzoni.

Tutto ciò è un gran dono, soprattutto se si pensa che, in questo caso, il vissuto dell’artista segue passo passo quello dell’uomo. Emblematico è il titolo; eloquente è la foto di copertina che ritrae il cantautore romano nell’atto di tirare via quel velo nero che l’ha tenuto nascosto per tanto tempo.

Massimo Di Cataldo: Dal profondo 1
Massimo Di Cataldo – Foto di Marco Giustiniani

Ora Massimo è tornato ed è tornato in grande stile,

con una forza e un’energia notevoli da spazzare via tutto, anche quel passato che fa male, che ormai guarda con distacco e soprattutto con consapevolezza.

Non ha smesso di credere all’amore,

anzi ci crede ancora di più tanto da dedicare l’intero disco all’eterno sentimento, imbastendo un discorso interiore sulle relazioni e mettendosi a nudo nelle emozioni.

Dal profondo è un album da far suonare e risuonare, in casa, in auto, ovunque sia possibile, perché contiene in sé una grande essenza pop rivestita con sonorità rock mai invadenti, perfettamente equalizzate per lasciare emergere i testi, la parte del leone di questo lavoro.

Massimo Di Cataldo: Dal profondo 2
Massimo Di Cataldo – Foto di Marco Giustiniani

 

Un annetto fa, in occasione della sua partecipazione al programma televisivo Ora o mai più, era stato servito il gradito antipasto di Ci credi ancora all’amore, a cui fanno seguito altre otto laute portate, da Non ti accorgi a C’è qualcuno, passando per Ci penserò domani e Allora scusami, per arrivare alla conclusiva Continuerà che regala un brivido particolare, da respirare parola per parola per poi ritrovarsi alla fine con il fiato sospeso.

Prodotto e realizzato dallo stesso Di Cataldo insieme ad Alessio Pizzotti e Ingo Peter Shwartz, il disco contiene anche una riuscitissima rilettura di Con il nastro rosa di Lucio Battisti, canzone di cui Massimo è sempre stato innamorato, fin da bambino, e di cui ora corona il sogno di inciderla, suggellando così un ritorno che fa tanto bene al cuore.

Andrea Direnzo
Andrea Direnzo
Giornalista, critico ed esperto musicale, opera a 360° nell’ambito della cultura e dello spettacolo. Ha frequentato il master in Critica Giornalistica per Teatro, Cinema, Musica e TV presso l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma e ha collaborato con le più importanti e accreditate testate musicali nazionali. Dal 2007 al 2013 è stato membro della commissione artistica del Premio Mia Martini e attualmente fa parte delle giuria del Premio Tenco e della commissione artistica del Premio Valentina Giovagnini.
Top