“Landfall”, il nuovo album di Laurie Anderson e Kronos Quartet arriva a febbraio

L’annuncio arriva dalla Nonesuch Records: il 16 febbraio 2018 verrà pubblicato l’album dell’iconica cantastorie e musicista – audace e creativa – Laurie Anderson e Kronos Quartet, “Landfall”.

Laurie Anderson e Kronos Quartet, un disco insieme
The Kronos Quartet and Laurie Anderson perform Landfall: Scenes from my new novel at the Barbican Hall in London on Friday 28 June 2013 (Photo by Mark Allan).

Laurie Anderson e Kronos Quartet pubblicheranno un disco insieme, dal titolo “Landfall”, in uscita il prossimo febbraio. Chi effettuerà il pre-order dell’album riceverà in instant grat download il brano “We learn to speak yet another language”.

Il disco nasce dall’esperienza vissuta dalla Anderson durante il terribile uragano Sandy, e la vede collaborare per la prima volta con il pioneristico quartetto d’archi Kronos, che ha suonato nell’album. “Landfall” affianca all’elettronica e agli archi le potenti descrizioni di perdita della Anderson.

A proposito di “Landfall”, Laurie Anderson ha commentato: «Sono sempre stata affascinata dal complesso rapporto tra parole e musica, sia nei testi delle canzoni sia nelle sopratitolazioni sia nelle voci fuori campo. La miscela di suoni di archi sia elettronici che acustici è il suono dominante di “Landfall”. La maggior parte della musica in questo lavoro è stata creata dalle armonie e dai ritardi di un software unico, progettato per la viola solista e reinterpretato per il quartetto».

Laurie Anderson e Kronos Quartet, un disco insieme
Laurie Anderson e Kronos Quartet, a febbraio esce “Landfall”.

Un entusiasta David Harrington, membro fondatore, direttore artistico e violinista dei Kronos Quartet ha dichiarato che «Laurie Anderson è il mago musicista che ha sempre abitato quei luoghi segreti in cui la tecnologia ha personalità, dove il “tempo reale” è messo in discussione e dove tutti gli elementi della performance si incontrano e si uniscono in musica. Il suo metodo è quello di raccogliere e continuare a raccogliere aspetti potenzialmente utili mentre scolpisce una forma. Il suo senso del gioco e del divertimento e la sua continua sperimentazione fanno di lei il chimico ideale (o alchimista?) nel laboratorio della musica».

Oltre a “Landfall” Laurie Anderson pubblicherà sempre il prossimo febbraio un nuovo libro, “All the things I lost in the flood: essays on pictures, language and code” per Skira Rizzoli. Due anni fa la Anderson ha iniziato a esaminare il suo archivio che raccoglie quasi quarant’anni di lavoro, e che comprende decine di documenti, quaderni e schizzi. Facendolo, ha riscoperto alcune sue opere e ha guardato a molti dei suoi progetti con un occhio nuovo: questo l’ha portata a scrivere una raccolta di saggi su come il linguaggio sia entrato nel suo lavoro visivo. Gli ambiti di interesse di Laurie Anderson, infatti, spaziano dalla musica alla visual art, dalla poesia ai film alla fotografia, per cui è amata e ammirata in tutto il mondo.

I Kronos Quartet sono una band di San Francisco composta da David Harrington (violino), John Sherba (violino), Hank Dutt (viola) e Sunny Yang (violoncello). Per oltre quarant’anni hanno combinato uno spirito di esplorazione con l’impegno di re-immaginare l’esperienza tipica del quartetto d’archi: proprio per questo i Kronos sono diventati una delle realtà più celebrate e influenti al mondo, hanno suonato migliaia di concerti, pubblicato più di 60 dischi, collaborato con un mix eclettico di compositori e interpreti, e realizzato oltre 900 lavori e arrangiamenti su commissione. Il prossimo lavoro sarà “Landfall”.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Francesca Binfaré
Francesca Binfaré
Giornalista, si occupa di musica, spettacolo e viaggi; parallelamente svolge attività di ufficio stampa. Autrice e conduttrice radiofonica dal 1989. Ha vissuto qualche tempo a Dublino, ma non ha mai suonato al campanello di Bono. Ha visto i "duri" Metallica bere un the e Slash senza l’immancabile cilindro. Affezionata frequentatrice del Festival di Sanremo e dei meandri del Teatro Ariston.
Top