Giuni Russo: “Da un’estate la mare al Carmelo”

Conoscete il tormentone “Un’estate al mare” ma in fondo non sapete chi è stata Giuni Russo?
Scopritelo nel libro di Bianca Pitzorno.

 

Giuni Russo: “Da un’estate la mare al Carmelo” 1
Giuni Russo in concerto

In queste ore i social e molte testate ricordano che esattamente 15 anni fa ci lasciava tristemente Giuni Russo, popolare interprete di alcuni brani.
Cosa ha lasciato Giuni Russo alla musica italiana?

Se davvero siete curiosi di saperlo lasciate il vostro pc e dedicatevi a Da un’estate al mare al Carmelo. Una lettura grazie alla quale scoprirete la vita e la carriera di Giuni Russo come lei in persona probabilmente l’avrebbe raccontata. E come di fatto la raccontò all’autrice di questo volume, complice una lunga amicizia.

Che storia è? Quella di una delle voci più straordinarie che abbiamo avuto nella musica leggera italiana. Un’eccellenza di cui Giuni fin da piccolissima fu consapevole – era dotata di un’estensione vocale tale da coprire quasi cinque ottave, utilizzando il “registro di fischio” padroneggiato solo da pochi cantanti. Era così che riusciva a imitare alla perfezione il verso dei gabbiani nel brano Un’estate al mare.

 

Assecondando la sua vocazione educò la sua voce il più possibile, nonostante le ristrettezze economiche e lo scetticismo verso il mondo della musica da parte dei suoi familiari.

Giuni Russo: “Da un’estate la mare al Carmelo” 2

Scoprirete il suo rapporto con un’industria discografica entusiasta da un lato per la popolarità di successi commerciali ma dall’altro, come spesso accade, diffidente quando non ostile rispetto alla sua brama di sperimentare la sua vocalità e nuove strade.

Grazie all’estrema facilità di cambio di registro tentò di liberarsi dagli stereotipi del pop del suo tempo, alla ricerca di quella “musica di confine” tra jazz ed elettronica, blues e lirica, pop e classica, sacra e leggera, che solo più tardi si sarebbe imposta.

Scoprite un’artista che ha costituito un capitolo fondamentale della nostra tradizione musicale. Tanto orgogliosa del proprio valore individuale quanto aperta a nuove influenze e compagni di strada. Fra tutti Franco Battiato che da vero amico le rimase accanto anche nei momenti più difficili, sostenendola sempre a proseguire contro tutto e tutti per realizzare il suo sogno.

Luca Cecchelli
Luca Cecchelli
Giornalista, laureato in linguistica italiana e da sempre curioso indagatore dei diversi aspetti del mondo dello spettacolo. Conduttore radiofonico e collaboratore per diverse testate e rubriche di teatro e musica, svolge parallelamente l’attività di ufficio stampa e comunicazione. Spettatore critico e melomane, è assiduo frequentatore di platee e sale da concerto oltreché batterista per passione e scrittore. Quello che ama di più però è scovare nei libri o in originali incontri e testimonianze retroscena culturali della storia della musica e incredibili aneddoti rock, di cui in particolare è appassionato conoscitore.
Top