Virginio Fanclub News: puntata #03

Il terzo appuntamento dedicato ai fan di Virginio parte da una data importante: da quello che loro stessi scrivono si capisce che i ricordi non sbiadiscono ma, anzi, acquistano col tempo ancora più ricchezza e sfumature.

Virginio Fanclub News: puntata #03
Virginio durante il concerto a Fondi del 25 giugno 2011

Il nuovo appuntamento con il Virginio Official Fanclub ci fa fare un salto indietro nel tempo, riportando la mente a una serata “Davvero” emozionante. Ecco come ce la raccontano.

25 Giugno 2011

Eravamo tutti in trepidazione da giorni. Facevamo il conto alla rovescia per il “Finalmente Tour” che partiva proprio da Fondi. Non potevamo essere più felici di così. La nostra avventura era iniziata proprio da qui e da qui ricominciava.

Eravamo in movimento già dalla mattina. Iniziavano ad arrivare i fan da tutta Italia e noi eravamo pronti ad accoglierli. Tanti visi, conosciuti fino ad allora solo attraverso l’icona di Facebook, diventavano volti concreti, ognuno con una sua personale storia ma tutti uniti dalla musica di Virginio.

E la musica in fondo è bella anche per questo, perché unisce tante persone, tanti vissuti, tante storie al ritmo incalzante delle emozioni che sa trasmettere. Il Poeta Henry Wandsworth Longfellow chiamava musica “il linguaggio universale del genere umano”.

Ma torniamo a noi. Un caffè, un gelato, una chiacchiera e poi, nonostante il caldo atroce, tutti sotto il palco già dalle prime ore del mattino. Nessuno di noi voleva rischiare di non essere proprio lì, nelle primissime file. Ci attrezziamo con asciugamani ed ombrelli per ripararci dal sole. Si fanno i turni per andare a prendere da bere. Nessuno vuole rischiare di perdere il posto.

E così tra una chiacchiera e l’altra ci si conosce anche po’ tutti meglio. In alcuni momenti il tempo sembrava non passare mai – ma quando arriva la sera? Ma poi alla fine “andare ad un concerto” è anche questo.

L’attesa fa aumentare il desiderio di incontrare il proprio artista, fa aumentare quell’adrenalina che ti porta poi a stare sotto il palco a cantare e a ballare fino a tardi. Improvvisamente è sera, ci siamo. Virginio sta per arrivare e solo in quel momento ci rendiamo conto che la piazza è stracolma di gente. Il giorno dopo leggendo i giornali apprendiamo che c’erano 15.000 persone al concerto.

Si sentono le prime note e le nostre voci iniziano ad acclamare Virginio. Vogliamo vedere lui, aspettiamo solo lui. Ed eccolo finalmente. Inizia a cantare, l’adrenalina sale ancora di più: la musica, le luci, la gente… sembra tutto così magico.

Virginio ripercorre le tappe della sua carriera e il concerto si sviluppa sulle canzoni più recenti dell’ep “Finalmente” e su quelle che tutti noi amiamo del suo primo album che porta proprio il suo nome. Sono le canzoni che hanno accompagnato le nostre vite in quegli anni.

E ad ogni canzone ognuno di noi torna ai periodi della vita trascorsa, ai momenti vissuti, momenti belli, in cui magari ci si sentiva come in un porto sicuro, e momenti anche meno belli, in cui ci sentiva in balia delle intemperie. Quante emozioni riesce a trasmettere la musica.

Forse il momento più emozionate è stato quando Virginio seduto al pianoforte ha cantato “Davvero”. Noi ci emozioniamo sempre su questa canzone, sempre. E quella sera in quella particolare cornice quella “Davvero” è stata magica.

E poi come dimenticare i palloncini arancioni che avevamo preparato e che abbiamo fatto volare in cielo sulle note di “Finalmente”, un brano intenso che dà un senso di liberazione.“Esplodono le stelle finalmente…”, canta Virginio, e chissà forse in quel momento ha capito che tutto questo percorso, tutta quella strada è stata, anche per noi, un’esplosione, un’esplosione di gioia.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Francesca Binfaré
Francesca Binfaré
Giornalista, si occupa di musica, spettacolo e viaggi; parallelamente svolge attività di ufficio stampa. Autrice e conduttrice radiofonica dal 1989. Ha vissuto qualche tempo a Dublino, ma non ha mai suonato al campanello di Bono. Ha visto i "duri" Metallica bere un the e Slash senza l’immancabile cilindro. Affezionata frequentatrice del Festival di Sanremo e dei meandri del Teatro Ariston.
Top