Intervista ai Viito

Sono in due e hanno, coerentemente, due nel nome: sono i Viito, vale a dire Giuseppe e Vito. Che non andavano poi così d’amore e d’accordo, quando sono diventati coinquilini: poi, però, è arrivata la musica…

Intervista ai Viito

Viito è l’incontro tra Giuseppe e Vito, romani d’adozione, coinquilini. La musica è un punto di incontro, la loro strada li porta tra pop e canzone d’autore. Freschissimi acquisti di casa Sugar, Vito e Giuseppe si sono fatti conoscere pubblicando alcuni singoli che hanno attirato l’attenzione del pubblico. Ad esempio, la loro “Bella come Roma” (il loro primo singolo) ha esordito al primo posto della classifica Viral 50 Italia di Spotify. Con l’altro brano, “Industria porno”, sono diventati grazie al passaparola un fenomeno da oltre 1 milione di streaming sempre su Spotify.

Insomma, siamo curiosi di capire meglio chi sono, i Viito… che con tempismo perfetto chiamiamo mentre sono in metropolitana, diretti verso il set del loro nuovo video. Il loro nuovo singolo è “Una festa”, la fotografia malinconica di una storia d’amore, “Una canzone autobiografica: Vito un sabato sera è tornato a casa presto, non era andata benissimo con la sua ragazza di allora. Le strofe le ha scritte lui di getto, poi abbiamo sviluppato insieme l’idea”.

Il metodo di lavoro non è sempre lo stesso, “Dipende: a volte partiamo da un’idea musicale, a volte lo spunto nasce dal testo. Appena uno dei due ha qualcosa da dire che crei entusiasmo in entrambi, ci lavoriamo”.

Il loro primo singolo, “Bella come Roma”, parla di una città che non è la loro ma è quella che li ha adottati. “Siamo coinquilini”, spiega Vito. “Io cercavo una sistemazione quando sono venuto a Roma all’università. Ho trovato casa da Giuseppe, che abitava già qui. Non gli ero molto simpatico all’inizio, ma poi abbiamo scoperto di avere la comune passione per la musica. Giuseppe mi chiede perché dico sempre questa cosa”, ride Vito. “Noi Roma l’abbiamo vissuta come dei fuorisede. E anche se cantiamo “stronza come Milano” in realtà la città lombarda la stiamo amando. Nella canzone abbiamo semplicemente fatto leva sugli stereotipi con lo scopo di raccontare una ragazza”.

Prossima tappa, qualche live estivo e un album: “Altri singoli, di sicuro uno per l’estate e poi speriamo il disco entro l’anno”.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Francesca Binfaré
Francesca Binfaré
Giornalista, si occupa di musica, spettacolo e viaggi; parallelamente svolge attività di ufficio stampa. Autrice e conduttrice radiofonica dal 1989. Ha vissuto qualche tempo a Dublino, ma non ha mai suonato al campanello di Bono. Ha visto i "duri" Metallica bere un the e Slash senza l’immancabile cilindro. Affezionata frequentatrice del Festival di Sanremo e dei meandri del Teatro Ariston.
Top