Alessandro Casillo ritorna sulla scena musicale con “Ancora qui”.

Alessandro Casillo si è ripresentato sulle scene musicali dopo alcuni anni, e dopo aver riscosso da giovanissimo un successo travolgente.

Alessandro Casillo ritorna sulla scena musicale con “Ancora qui”.
Alessandro Casillo. Foto: © Mattia Biancardi

Alessandro Casillo nel 2011 a “Io canto” ha vinto il premio della giuria tecnica guidata da Mogol, poi ha pubblica il suo ep “Raccontami chi sei”. Alessando ha poi vinto la categoria Giovani al Festival di Sanremo 2012 con il brano “È vero (che ci sei)” e ha pubblicato l’album “È vero”, oltre a un instant book che era il diario di questo suo periodo da vera star. “#ALE” è il suo secondo album del 2014. Poi la pausa per concentrarsi su di sè, iniziata nel 2015 e terminata ora, con l’arrivo del nuovo singolo “Ancora qui”.

Come mai hai aspettato tanto tempo per tornare?

Quattro anni fa mi sono fermato per diplomarmi e avere il “pezzo di carta” in mano, lo consideravo importante per me e per il mio futuro. E poi mi sono reso indipendente dalla mia famiglia, tuttora lavoro. Ma la musica non l’ho mai abbandonata.

Cos’hai capito dal tuo legame con la musica, che in questi anni hai vissuto lontano dal pubblico?

È stato difficile capire cosa volessi fare davvero, musicalmente parlando. Che genere affrontare, di cosa parlare. In questi quattro anni ho scritto tantissime canzoni, ma quando si è trattato di decidere con quale brano ripresentarmi al pubblico, con lo staff che lavora con me abbiamo scelto “Ancora qui”. Questa canzone ci colpiti perché, anche se è stata composta da Emiliano Bassi, è come se la avessi scritta io.

Parla proprio del tuo ritorno?

È stata scritta appositamente per me, perché volevamo che fosse un pezzo sul mio tornare alla musica. Poi sicuramente può essere anche una canzone che parla di un amore talmente forte che fa tornare tutto punto in cui ci si trovava in precedenza. Chi la ascolta la può fare sua come vuole, ovviamente la lettura che ho dato io al testo la prima volta che l’ho ascoltata riguardava il mio percorso. È stato come dire eccomi, sono qua.

I ritorni sono più dolci o più complicati delle prime volte?

Più dolci direi, ma dipende dalle situazioni e da tante tanti fattori. In questo momento rispondo così, ma “Ancora qui” è solo il primo passo di questo ritorno. Dovrei dirtelo tra un po’ di tempo.

Sai già quali saranno i tuoi prossimi impegni? Alessandro Casillo ritorna sulla scena musicale con “Ancora qui”. 1

Adesso c’è un nuovo percorso, è come iniziare da zero. So che è dura ma ce la metto tutta. L’obiettivo è arrivare a un album, ma c’è tempo per tutto. Ora lasciamo che “Ancora qui” venga ascoltata. A breve verrà pubblicata una canzone scritta da me, che farà scoprire chi è davvero Alessandro.

Sempre qualcosa di pop?

Certamente. Non voglio stravolgere l’Alessandro di prima nè quello che sono. Adesso funziona la trap ma non mi ci butto di certo, non avrebbe senso; faccio quello che mi sento di fare.

Curiosiamo nella tua playlist: cosa troviamo?

Di tutto, compresa la trap. Mi piace ascoltare quello che c’è di bello in ogni genere musicale. Vado in fissa con un artista per un certo periodo, poi dopo qualche giorno lo sostituisco con un altro.

Adesso con chi sei in fissa?

Mi è capitato qualche giorno fa di riascoltare un vecchio brano di Michael Jackson che non sentivo da tempo, e mi sono messo a riascoltare la sua musica.

Un concerto visto in questi anni che ti ha particolarmente emozionato?

Concerti visti tanti, non saprei indicarne uno in particolare perché ogni volta guardo il palco e dico “Voglio tornare io a fare quelle cose lì”.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Francesca Binfaré
Francesca Binfaré
Giornalista, si occupa di musica, spettacolo e viaggi; parallelamente svolge attività di ufficio stampa. Autrice e conduttrice radiofonica dal 1989. Ha vissuto qualche tempo a Dublino, ma non ha mai suonato al campanello di Bono. Ha visto i "duri" Metallica bere un the e Slash senza l’immancabile cilindro. Affezionata frequentatrice del Festival di Sanremo e dei meandri del Teatro Ariston.
Top