Cosmo, “L’ultima festa” per chi non si arrende alla fine dell’estate

Cosmo si conferma un’interessante promessa della musica del nostro Paese. Con il suo album L’ultima festa dimostra di sapersi divertire e di saper creare una musica che intrattiene e che scivola via veloce e gradevole.

Cosmo-album-L-ultima-festa
Cosmo.

Marco Jacopo Bianchi in arte Cosmo, ha scelto decisamente un nome d’arte altisonante e semplice insieme: immediato, facile da ricordare e che si pronuncia volentieri con quel suono duro e pulito, caratteristica che ha in comune con la sua musica. 
L’ultima festa, pubblicato con l’etichetta 42 Records, è il secondo album di studio di questo artista nato a Ivrea ma cresciuto musicalmente un po’ in tutta Italia e in un pezzettino di Europa, confermandosi una interessante promessa (già in parte mantenuta) della musica del nostro Paese.

Un album semplice, preciso, circa 35 minuti appena che scivolano via veloci e gradevoli, con l’atmosfera da club che sgorga in ogni nota senza però scadere nel ritmo tunz-tunz fine a sé stesso.

Cosmo è un artista che sa quello che fa e ha pieno controllo dei suoni scelti accuratamente, sia dal vivo che in studio, creando canzoni ben calibrate fra racconti della vita di provincia e la spesso inconciliabile musica elettronica: nessuno si aspettava che si potesse parlare in modo così contemporaneo di paesini abitati da poche anime, oppure dell’atmosfera di triste attesa natalizia, oppure ancora che sintetizzatori ed effetti riuscissero a descrivere benissimo il disagio di voler essere ovunque tranne che costretti nella propria minuscola realtà.

L’ultima festa sembra uscito direttamente dalla scena dei club berlinesi e del nord Europa, quegli stessi club che hanno dato una seconda vita all’elettronica nostalgica degli anni ’80 e che hanno plasmato il suono di molte delle hit da qualche anno a questa parte.

Cosmo ha il pregio di aver assorbito completamente questo movimento e di averlo iniettato tutto nel suo secondo lavoro da solista (prima suonava nei Drink to me). L’ultima festa ha un solo piccolo difetto: le canzoni non si staccano mai una dall’altra e sono un po’ indistinguibili, se non si fa attenzione. Solo la title track ha una sua identità ben precisa, più spiccatamente pop e confezionata per essere passata nelle maggiori radio italiane e per essere suonata in chiusura dei suoi concentratissimi live.

L’ultima festa è in definitiva un album divertente ma a breve scadenza, una sorta di antipasto di quello che Cosmo è capace di fare ma che deve ancora essere messo a fuoco completamente.

Cosmo-album-L-ultima-festa
L’album L’ultima festa di Cosmo.

Tracklist:

  1. Le voci
  2. L’ultima festa
  3. Dicembre
  4. L’altro mondo
  5. Impossibile
  6. Cazzate
  7. Regata ‘70
  8. Un lunedì di festa.

Articolo di Fiorella Vacirca.

Redazione
Redazione
La Redazione di Musica361 è composta da giornalisti, scrittori, copywriter ed esperti di comunicazione tutti con il comune denominatore della professionalità, dell'entusiasmo e della passione per la musica.
Top