Un piccolo viaggio all’interno della vita di Corrado Rustici

Musicista, produttore discografico e cantante italiano, Corrado Rustici aggiunge due tappe al suo nuovo tour.

Tour Corrado Rustici
Corrado Rustici (Foto © Michal Venera).

Nato a Napoli nel 1957, Corrado Rustici all’inizio degli anni Settanta fonda il gruppo dei Cervello. Nel 1974 entra nel gruppo dei Nova, con i quali si trasferisce a Londra. Negli anni successivi pubblica quattro album che hanno successo anche in America, tanto che decide di trasferirsi negli Stati Uniti.

Successivamente lascia la band e da NY si trasferisce a San Francisco ed inizia la collaborazione con Alan Sorrenti. Dagli inizi degli anni Ottanta inizia a collaborare con vari artisti tra cui Aretha Franklin, George Micheal, Whitney Houston e altri.

In Italia collabora con Zucchero, Loredana Bertè e Renato Zero. Nel 1995 pubblica il suo primo lavoro da solista The heartist, due anni dopo produce un album a De Gregori e conosce Elisa con cui decide di tornare in California per lavorare al suo album d’esordio Pipes and flowers. Il legame con Elisa continua fino al 2001 quando produce il brano Luce, che vince il Festival di Sanremo e poi il suo album Then comes the sun. Nel 2005 si rafforza anche il legame con i Negramaro lavorando su Mentre tutto scorre, album che sarà disco di platino. Nel 2007 produce l’album Ferro e cartone di Francesco Renga.  L’anno successivo produce il brano Il centro del mondo dell’album  Secondo tempo di Ligabue e, sempre nel 2008, riceve il premio di Produttore dell’anno dalla rivista InSound. Continuano le collaborazioni con Elisa e Ligabue, ma amplia gli orizzonti diventando il produttore anche di Giusy Ferreri, Noemi e Virginio. Infine, nel 2016, pubblica l’album da solista Aham. All’album segue un tour diviso in 5 date a cui però si aggiunge la tappa di Napoli il 7 dicembre presso il Teatro La Perla e quella di Milano il 13 dicembre presso la Salumeria della musica.

vita di Corrado Rustici
Aham, l’album di Corrado Rustici.

«Questa parola, “Aham”, è stata la chiave con la quale ho iniziato a indagare, seriamente e profondamente, sulla natura del mio essere e, di conseguenza, sull’essenzialità di ciò che percepisco come “musica” – racconta Corrado Rustici – Quando ho iniziato a concepire e a comporre le musiche per questo mio nuovo album, ho deciso di esplorare sonorità e contesti musicali avvalendomi della chitarra come unica fonte».

Non ci resta che aspettare che inizi il tour per scoprire il nuovo album di Corrado Rustici, all’insegna della ricerca e della sperimentazione musicale.

Articolo di Paolo Aruffo

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Redazione
Redazione
La Redazione di Musica361 è composta da giornalisti, scrittori, copywriter ed esperti di comunicazione tutti con il comune denominatore della professionalità, dell'entusiasmo e della passione per la musica.
Top