A Trontano, parte la nuova edizione di Tones on the Stones

Dal 23 al 30 luglio torna, per la 10a edizione, Tones on the Stones 2016, un festival unico al mondo per l’ambientazione nella spettacolare cornice della cava di beola di Trontano (VB).

Tones-on-the-Stones-2016

Senza dubbio si tratta di una rassegna unica al mondo, in grado di unire proposte culturali e artistiche di alta qualità a sedi tanto inedite quanto spettacolari e mozzafiato. Per il decimo anno consecutivo torna Tones on the Stones, un traguardo importante per una delle proposte più originali ed esclusive del panorama culturale italiano: dal 23 al 30 luglio 2016 la cava di beola grigia di Trontano (provincia del Verbano-Cusio-Ossola) sarà la cornice di pietra per quattro imperdibili appuntamenti.

La formula del successo di Tones on the Stones, che ha permesso negli anni il mantenimento di un costante livello qualitativo delle proposte e il crescente apprezzamento da parte di un pubblico sempre più numeroso, è la stessa della sua prima edizione: unire le performance di grandi artisti italiani ed internazionali allo stupore che solo i naturali palcoscenici di pietra, luogo di lavoro e di fatiche, possono regalare.

Gli spettatori saranno guidati in un’esperienza totalmente travolgente, che permetterà di guardare con occhi nuovi i maestosi e geometrici spazi che si aprono in queste montagne, storicamente legate all’estrazione e lavorazione di pietre anche pregiate, come il famoso marmo di Candoglia, con cui fu realizzato uno dei monumenti più famosi al mondo, il Duomo di Milano. L’obiettivo e la scommessa di Tones on the Stones vuole portare in primo piano il valore estetico, oltre che storico, delle cave d’estrazione della provincia del VCO, traendo forte ispirazione creativa dalla natura di questi luoghi. Possibile grazie alla realizzazione, dal 2007 con la Direzione Artistica di Maddalena Calderoni, soprano che ha ideato questa rassegna unica a livello internazionale, di eventi di alta qualità, in cornici sceniche talmente speciali da rendere unico ogni spettacolo. La pietra diventa così parte integrante della creazione artistica, componente imprescindibile e non replicabile in altri spazi scenici.

Tones-on-the-Stones

Pareti “viventi”, appartenenti a cave attive e che di anno in anno mutano la loro forma, la loro struttura interna e, dunque, le scenografie dei singoli spettacoli. Impreziosite dai giochi di luce dell’illuminazione notturna, accoglieranno le spettacolari esibizioni di danzatori acrobati lungo linee verticali levigate dal lavoro dell’uomo, oltre ai grandi artisti ed interpreti della musica classica, popolare ed elettronica, per un mix di eventi come sempre caratterizzati dal connubio di tradizione e nuovi linguaggi dell’arte. Dopo il successo delle passate edizioni che hanno ospitato artisti quali Marcus Miller, Stefano Bollani, Dee Dee Bridgewater, Ismael Ivo, spettacoli del calibro di Antigone e Macbeth e allestimenti operistici come Tosca e Cavalleria Rusticana, nel 2016 Tones on the Stones propone un programma di quattro eventi, in quattro serate dal 23 al 30 luglio, davvero imperdibili.

Per informazioni e aggiornamenti sul programma: www.tonesonthestones.comwww.facebook.com/tonesonthestones.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione
Redazione
La Redazione di Musica361 è composta da giornalisti, scrittori, copywriter ed esperti di comunicazione tutti con il comune denominatore della professionalità, dell'entusiasmo e della passione per la musica.
Top