Roberto Fabbri, dopo il successo negli USA, torna con un live in Italia

Dopo il successo riscosso negli Stati Uniti e l’uscita del video del brano Don’t let me be misunderstood, Roberto Fabbri torna in Italia con una serie di appuntamenti live che lo impegneranno per tutta l’estate e lo vedranno protagonista sul palco con i suoi brani più celebri.

Roberto-Fabbri
Roberto Fabbri.

Queste le date:

  1. sabato 16 luglio nell’ambito del festival “Musica IN Estate” ad Acqui Terme presso la Sala Consigliare insieme al Roberto Fabbri Guitar Quartet (per l’occasione composto da Roberto Fabbri, Paolo Bontempi, Nicola Giannelli e Riccardo Rocchi),
  2. il 23 luglio a Fiuggi in occasione della “10° Edizione Festival Internazionale della Chitarra”, il 29 luglio a Trevi per “Trevi in Musica 2016, International Guitar Festival,
  3. l’ 8 agosto a Brno (Repubblica Ceca) per il 25th Annual International Guitar Festival,
  4. il 15 agosto a Herceg Novi (Montenegro) nell’ambito del “Guitar Art Summer Festival”,
  5. il 27 agosto a Iseo per l’”Iseo Acoustic Franciacorta 2016” e
  6. il 3 settembre alla “14° edizione del Festival chitarristico internazionale delle due città” di Treviso.

L’ultimo singolo di Roberto Fabbri, Don’t let me be misunderstood, è ispirato alla celebre cover dei Santa Esmeralda e anticipa l’uscita del nuovo album d’inediti previsto per l’inverno. Il video è stato prodotto da Sony con la regia di Matteo Vicino, soggetto e sceneggiatura di Piero Balzoni, costumi di Maurizio Jovine, ballerine Elena Presti e Flaminia Candelori, Roberto Fabbri Guitar Quartet: Roberto Fabbri , Paolo Bontempi, Leonardo Gallucci e Luigi Sini.

Tutti i chitarristi suonano delle chitarre Ramirez, le stesse che usava Andres Segovia e di cui Fabbri è il testimonial italiano.

«Qualche tempo fa riordinando i mie vinili, ritrovo la versione disco dei Santa Esmeralda di Don’t le me be Misunderstood – racconta Roberto Fabbri – Da ragazzo mi aveva colpito per l’uso delle chitarre classiche, così la metto sul piatto e sin dalle prime note decido di realizzarne una versione per il mio ensemble. Essendo però un chitarrista classico, voglio dare un’impronta personale alla nuova versione, e l’ispirazione mi viene dalla visione del film su Paganini con protagonista il violinista David Garrret che proprio all’inizio del film si lancia in una virtuosa esecuzione del capriccio n.5. Ecco l’idea fondere il classico con il pop, unire Paganini ai Santa Esmeralda! La scelta della location, il ponte della musica di Roma, sta a significare proprio l’unione, sia fra generi musicali che fra le persone, i ponti uniscono, i muri dividono… In questa ottica ho affidato così allo sceneggiatore Piero Balzoni l’idea da cui è poi nato il soggetto: un musicista classico di strada con una ballerina, cui vengono incontro dei musicisti gitani, dallo scontro iniziale nasce l’incontro, perché la musica fa superare qualsiasi barriera, qualsiasi preconcetto, va oltre e la splendida regia di Matteo Vicino è riuscita a trasmettere questo messaggio».

Roberto Fabbri è l’unico chitarrista italiano a comparire nel “Pure Emotions – Classical Giutar Love“, uno dei più importanti progetti antologici ideati e pubblicati da Sony Classical Italia per la stagione autunno-inverno 2014-2015. La raccolta, attualmente in vendita esclusiva su iTunes, racchiude i brani dei chitarristi più virtuosi del catalogo Sony Classical, fra cui Andrés Segovia e Julian Bream.

Roberto Fabbri torna in Italia
Roberto Fabbri Guitar Quartet.

All’interno dell’album, sono inseriti tre brani composti ed interpretati da RobertoFabbri (Rainbow Song, Il cavaliere errante e Inside me), che si conferma così come uno dei più apprezzati chitarristi, sia per l’emozione che sa creare all’ascolto sia per il suo virtuosismo.

Il suo ultimo disco Nei tuoi occhi, disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle piattaforme streaming, è una raccolta di 17 composizioni inedite in cui ognuna narra una storia, un sentimento, un luogo o un avvenimento con l’obiettivo di riportare la chitarra classica al grande pubblico e negli importanti cartelloni concertistici. Il disco comprende Fantasia sin palabras, la composizione commissionata a Roberto Fabbri dal XXVI Festival Internacional Andrés Segovia 2012 di Madrid.

Fabbri ha firmato un contratto con l’etichetta Sony Classical (distribuita da Sony Music in Italia e nel mondo), ed è l’unico italiano a far parte dell’esclusivo gruppo di chitarristi classici Sony formato da Julian Bream, John Williams, Los Angeles Guitar Quartet e Sharon Isbin.

www.robertofabbri.comFacebook: RobertoFabbriTheGuitarist

Redazione
Redazione
La Redazione di Musica361 è composta da giornalisti, scrittori, copywriter ed esperti di comunicazione tutti con il comune denominatore della professionalità, dell'entusiasmo e della passione per la musica.
Top