Processo a Pinocchio, il profumo di un burattino

“Non abbiamo quell’impianto un po’ distaccato di certi spettacoli: le canzoni di Processo a Pinocchio hanno una loro identità discografica”, dice Cristian Ruiz.

Processo a Pinocchio è uno spettacolo scritto e diretto da Andrea Palotto con musiche originali di Marco Spatuzzi. Gli autori preferiscono non chiamarlo musical ma “psico commedia noir a carattere musicale“, (qualunque cosa significhi). Ma, come ha scritto Shakespeare, “ciò che chiamiamo rosa anche con un altro nome conserva il suo profumo“, e quindi questo Processo a Pinocchio, definito come si voglia, resta un piccolo gioiello del teatro musicale Off. Totalmente italiano.

Le sue musiche hanno vinto la scorsa edizione del premio OIM – Oscar Italiano del Musical nella categoria Colonne Sonore originali, a riprova del fatto che anche se il sound di uno spettacolo è orientato, come in questo caso, ad un pubblico moderno più vicino al mercato discografico di quanto lo sia lo spettatore medio del musical in Italia, il risultato non penalizza assolutamente l’aspetto teatrale.

Processo a Pinocchio, il profumo di un burattino
Processo a Pinocchio (© Foto della Produzione).

Cristian Ruiz, Luca Giacomelli Ferrarini, Elena Nieri, Nadia Straccia, Debora Boccuni e Brian Boccuni sono i performer che hanno interpretato le 9 tracce che compongono l’album. Il cd, prodotto da Cristina Rampini della On Stage Academy di Milano in collaborazione con la Groovefarm e i FREEzerdance Studios, è stato mixato da Davide Abbruzzese e Alfonso Barbiero (mentre il brano È Tutto Qui, che ha anticipato l’album e che è possibile ascoltare nel video a fondo pagina, è ad opera di Emiliano Acciaresi).

L’intervista con Cristian Ruiz (La Bella e la Bestia, Priscilla, RENT, Ghost, Fantasmi a Roma sono solo alcuni degli spettacoli che ha interpretato) che è possibile ascoltare nel player sottostante, è quindi una chiacchierata non soltanto sullo spettacolo Processo a Pinocchio ma anche sul lungimirante progetto musicale con una sua autonomia e precisa valenza che lo accompagna. Perché, appunto, non importa la definizione che si dà di una cosa, ma il profumo (o più precisamente, nella fattispecie, il suono) che essa ha.


Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Lucio Leone
Lucio Leone
Giornalista e architetto, ha maturato numerosi anni di esperienza in campo editoriale e della comunicazione. Collabora con diverse testate scrivendo di spettacolo, arte, musica e teatro, e conduce da due stagioni il programma radiofonico MusicalOnTheRadio. È membro delle Giuria di Qualità di due tra i più importanti riconoscimenti rivolti al teatro musicale: PrIMO - Premio Italiano del Musical Originale e OIM - Oscar Italiani del Musical. Per i tipi di Reportage ha scritto il libro Canto di Natale ed altri Racconti.
Top