Giuseppe Quaranta: “Incrocio la felicità con il mio primo album”

Musicista dalla lunga esperienza Giuseppe Quaranta, il 1 aprile, pubblica il suo primo album dal titolo “Le regole della felicità”.

Giuseppe-Quaranta-Le-regole-della-felicità
La copertina di “Le regole della felicità”, primo album di Giuseppe Quaranta.

Il 1 aprile esce “Le regole della felicità”, il primo disco di Giuseppe Quaranta uno di quegli artisti realmente completi che hanno percorso una lunga gavetta fatta di studio, lavoro, passione e perseveranza.

Autore, cantante, chitarrista e polistrumentista, Giuseppe ha origini pugliesi ma si trasferisce a Roma da giovane per studiare all’Università della musica. La sua vera palestra, però, è stata quella delle esibizioni dal vivo e come turnista che, tra l’altro, lo hanno portato a Bologna dove vive tuttora. Proprio nel capoluogo felsineo inizia a lavorare in giro con diverse formazioni e si conquista una certa autorevolezza tra i frequentatori dei locali dove si suona musica dal vivo che lo apprezzano per la straordinaria abilità nel suonare la chitarra alla quale accompagna il canto.

La sua voce è calda e coinvolgente, capace di esprimersi al massimo in ballate e testi della migliore tradizione cantautorale italiana alla quale, lui stesso, dichiara di ispirarsi anche nella lavorazione di questo primo lavoro in studio.

Le regole della felicità” è un album da solista e indipendente in cui Giuseppe Quaranta è autore di musica e testi e dove suona tutti gli strumenti. Nove brani che rivelano la maturità artistica e dimostrano che – probabilmente – era proprio il momento giusto per lanciarsi in un percorso discografico. Infatti, i primi singolo “Il tempo” e “Le regole della felicità” accompagnati dai video stanno avendo un certo successo sui social.

Pur avvertendo le influenze di giganti come Fabrizio De Andrè, Franco Califano, Piero Ciampi, Domenico Modugno, Gino Paoli e Luca Barbarossa, solo per citarne alcuni, i nove brani hanno tutti una personalità propria e rivelano sensibilità e attitudine a raccontare, in musica, attimi di vita e sensazioni che ci appartengono. Il vestito di queste canzoni, poi, è quello delle sonorità elettroacustiche, con qualche richiamo al mondo del progressive degli anni ’70.

A mio parere, sono molto interessanti, per testi e musica “Il tempo”, “Cioccolato e fragole” e “Luna contadina” che si apprezzano ulteriormente con l’ascolto ripetuto. “Le regole della felicità”, il singolo da cui prende titolo l’album mi ha riportato alla memoria lo stile di Domenico Modugno ed è accompagnato da un bel video in cui al girato, sono stati sostituiti dei poetici disegni animati originali realizzati da Pietro Franca, alias Mastro Pennello.

Il video de “Il Tempo” invece, è un cortometraggio girato principalmente per le strade di Bologna per la regia di Oscar Serio e con la partecipazione dell’attrice Martina Sacchetti.

Le regole della felicità sarà presentato ufficialmente a Bologna il 1 aprile, presso il Teatro del Navile, dove l’autore sarà accompagnato da una band composta da Claudio Giovannini alle tastiere, Alessio Mereu al basso e Gabriele De Zaiacomo alla batteria.

Le regole della felicità: track list

  1. La mia maschera
  2. Le regole della felicità
  3. Un attimo
  4. Cioccolato e fragole
  5. Il tempo
  6. Luna contadina
  7. Il prossimo weekend
  8. Libera
  9. Cara amica, mia compagna.

Ti potrebbero interessare:

Enzo Radunanza
Enzo Radunanza
Campano trapiantato a Bologna, è un copywriter che scrive sul web di cinema, teatro, tv, enogastronomia e musica.
http://www.gazzettadelgusto.it
Top