Cinque curiosità sui più celebri canti di Natale

Alcuni interessanti aneddoti sui principali brani che accompagnano e impreziosiscono annualmente le nostre festività natalizie.

Cinque curiosità sui più celebri canti di Natale
Cinque curiosità sui più celebri canti di Natale.

Tra le melodie più riconoscibili del repertorio musicale natalizio, troviamo numerosi brani di matrice anglo-statunitense, una delle tradizioni più prolifiche e longeve al mondo. Con l’approssimarsi delle feste, abbiamo raccolto alcuni tra gli aneddoti più curiosi, forse poco noti, inerenti a cinque storici brani legati al Natale, pezzi che tutti noi abbiamo canticchiato almeno una volta nel corso della nostra vita: da White Christmas a Jingle bells”, passando perAdeste fideles”, Deck the halls e We wish you a merry Christmas.

  • White Christmas è il singolo discografico più venduto di sempre, con ben 50 milioni di copie distribuite nel mondo. Scritto nel 1940 da Irving Berlin, artista bielorusso naturalizzato americano, è stato inciso da numerosi interpreti (Bing Crosby, Louis Armstrong,Dean Martin, Nat King Cole, Ella Fitzgerald, Frank Sinatra, Elvis Presley, Tony Bennett e molti altri ancora), oltre che in svariate lingue. In Italia è conosciuto anche come “Bianco Natale”.
  • Il brano Jingle bells, lanciato da James Pierpont nell’autunno del 1857, originariamente era intitolato One horse open sleigh e dedicato al Giorno del Ringraziamento. Eseguito per la prima volta in una chiesa di Boston nel celebre Thanksgiving Day, ottenne un così grande successo da essere riproposto poche settimane dopo in occasione del Natale, tradizione che si estese a macchia d’olio nelle parrocchie di mezza America diventando, di fatto, uno dei classici canti del repertorio di questa ricorrenza. Nel dicembre del ’65 è stata la prima canzone eseguita nello spazio, intonata da due astronauti statunitensi.
  • Composto nel 1743, Adeste fideles” è un canto natalizio in latino, così antico da non riuscire ad attribuirgli alcuna paternità artistica. L’unico nome conosciuto è quello del copista del brano, cioè colui che trascrisse materialmente il testo e la melodia: John Francis Wade, a cui va attribuito il merito di aver riprodotto un pezzo che non aveva alcuna collocazione storica ma che rappresentava da tempo uno dei più popolari temi religiosi, conosciuto nella sua traduzione in lingua italiana come Venite adoriamo”.
  • Deck the halls è tra i pezzi più amati dal popolo americano ma poco esportato nel mondo, pubblicato per la prima volta in Inghilterra da J. P. McCaskey nel 1881. Il testo della canzone, il cui autore è rimasto anonimo, è strutturato in tre strofe, ciascuna composta da otto versi e da un ritornello, in cui ricorre il noto motivetto fa la la la la, la la la la”. Il brano fa riferimento ad una delle tradizioni natalizie per antonomasia: decorare le stanze con rami d’agrifoglio.
  • We wish you a merry Christmas è forse il canto più antico, la sua composizione (avvenuta nel sud dell’Inghilterra) risale al sedicesimo secolo, precisamente nel 1501. Oltre alla festività religiosa del Natale, le parole fanno riferimento anche alla ricorrenza pagana del Capodanno, unendo in qualche modo il sacro al profano in un augurio di speranza e serenità per tutti.
Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Nico Donvito
Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Top