Bungaro, il fascino di un originale

Si intitola Maredentro lo spettacolo in chiave acustica che Bungaro sta per far debuttare in prima assoluta il prossimo 5 novembre e nel quale riproporrà in prima persona, riarrangiati, i più grandi successi che negli anni ha affidato ad altri grandi interpreti.

Bungaro, il fascino di un originale
Bungaro.

A meno che non si tratti del lavoro di un cantautore, in realtà quello che sentiamo quando ascoltiamo il disco di un cantante sono sempre delle cover. Infatti la versione originale di quei brani, che finiamo per conoscere grazie alla voce, al talento e alle interpretazioni di altri, è ad opera e a firma di autori che il più delle volte rimangono dietro le quinte, e generalmente non vede mai la luce. Capita però che a volte qualcuno di questi autori si riprenda il frutto del proprio lavoro e lo ricanti rendendogli l’ispirazione originale, spogliandolo da eventuali stilemi a abbellimenti che necessariamente gli sono stati offerti da altri artisti, regalandogli quindi – in alcuni casi – una chiave completamente diversa, affascinante perché in qualche modo più autentica.

Questo è ad esempio il caso di Bungaro, che, fresco di un grande successo grazie al brano della colonna sonora di Perfetti sconosciuti (il film di Paolo Genovese) interpretato da Fiorella Mannoia, vincitore di un Nastro D’Argento, del Ciak d’Oro e nominato per un David di Donatello, ha deciso di presentare al suo pubblico uno spettacolo in cui riproporrà in versione acustica il suo lungo percorso di autore e di cantautore. Maredentro, questo il titolo dello spettacolo autobiografico, sarà quindi presentato in prima assoluta il prossimo 5 novembre all’Auditorium Parco della Musica di Roma, per poi affrontare subito dopo una tournée che toccherà diverse piazze italiane.

Sarà dunque l’occasione per riascoltare non soltanto Guardastelle, il brano che Bungaro ha portato al festival di Sanremo nel 2004 (l’edizione condotta da Simona Ventura con Paola Cortellesi e Gene Gnocchi) e che gli è valso il Premio Volare per il miglior testo, ma tutti i più grandi successi che negli anni ha composto ed affidato a grandi voci, tra cui quella già ricordata di Fiorella Mannoia, che del resto è in ottima compagnia insieme ad Ornella Vanoni, Malika Ayane, Marco Mengoni, Giusy Ferreri, Emma, Antonella Ruggiero, Grazia Di Michele, Massimo Ranieri, Petra Magoni, Paola Cortellesi, Neri Marcorè, Youssou N’dour e Daniela Mercury. Per non parlare poi di Eramo e Passavanti e di Patrizia Laquidara per cui Bungaro, oltre a quelli di autore, ha anche rivestito i panni di produttore.

Accompagnato da una band di ottimi musicisti (al pianoforte e live electronics Antonio Fresa, Marco Pasassoni al vibrafono, alle percussioni e alla batteria, Antonio de Luise al contrabbasso, Armand Priftuli al violino e alla viola e infine Gabriela Ungureanu al violoncello) Bungaro presenterà il suo repertorio in versione completamente inedita riarrangiata, riappropiandosene. Insieme alle sue canzoni però, ci saranno doverosi omaggi ad alcuni dei suoi amori musicali, che lo hanno accompagnato nel corso della sua carriera come punto di riferimento, un ulteriore modo per comprendere il percorso di un autore e la sua poetica: Domenico Modugno, Sergio Endrigo, Paolo Conte, David Byrne e Joe Jackson.

Maredentro è dunque uno spettacolo intimo e sincero che permette ad un autore di bypassare il pur importantissimo contributo che hanno offerto al suo lavoro tante collaborazioni eccellenti, e gli offre la possibilità di dialogare direttamente con il pubblico che negli anni ha dimostrato di apprezzarlo e stimarne il talento. Dando voce (è il caso di dirlo) alla sua anima di interprete che completa ed integra quella di autore. Chiudendo un cerchio.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare:

Lucio Leone
Lucio Leone

Giornalista e architetto, ha maturato numerosi anni di esperienza in campo editoriale e della comunicazione. Collabora con diverse testate scrivendo di spettacolo, arte, musica e teatro, e conduce da due stagioni il programma radiofonico MusicalOnTheRadio. È membro delle Giuria di Qualità di due tra i più importanti riconoscimenti rivolti al teatro musicale: PrIMO – Premio Italiano del Musical Originale e OIM – Oscar Italiani del Musical. Per i tipi di Reportage ha scritto il libro Canto di Natale ed altri Racconti.

Top